Concorso: WHAT’S UP IN 2031?

Concorso: WHAT’S UP IN 2031?

Di seguito l’articolo che mi ha permesso di vincere il primo premio al concorso indetto da NetOne, una rete internazionale di professionisti, studenti e operatori dei media, nata in Italia nel giugno 2000, dopo il congresso ‘Comunicazione e unità – i media nella prospettiva del mondo unito’ promosso dal Movimento dei Focolari.

Il gruppo si configura come uno spazio di dialogo, senza frontiere di alcun genere, dove condividere esperienze professionali, approfondimenti culturali, percorsi formativi, azioni e progetti.


Il nome del concorso è “What’s up in 2031?” e per partecipare bisognava scrivere un articolo o realizzare un servizio video su una buona notizia che potremmo trovare nell’informazione tra 20 anni. Ecco il contesto in cui situarsi: È arrivato il 2031. È un giorno come tanti, ma aprendo il giornale/accendendo la TV, finalmente, leggi/senti la “buona notizia” che da tanto aspettavi. Questa NEWS è positiva per te e per tutta l’umanità. Non è solo una “bella” notizia, ma qualcosa che cambia il mondo … la vita.Attenzione però, anche se la leggerai solo nel 2031 questa NEWS è già nell’aria!

Per capire in cosa questa consisterà, occorre che ti poni BENE in ascolto del presente. VIVI! Fai un’analisi approfondita e ragionata dell’attualità: cerca di cogliere dove, come e quando possiamo cambiare e cosa fare per migliorare il futuro.Non si tratta di fantasticare sul mondo che vogliamo ma di pensare scenari che potrebbero coinvolgerci tutti da qui a 20 anni, perciò, se non “parti” con attenzione dal presente la tua “buona notizia” rischia di essere eliminata.Il concorso prevede due categorie: giornale o multimedia.


Ecco l’articolo:

I giganti dal cuore d’oro (nero). – NewGreen & 2Green i due progetti per cambiare il mondo by GreenWorld.

Si è concluso ieri l’ultimo incontro tra i leader dell’industria petrolifera mondiale che dopo cinque mesi di duro lavoro hanno sviluppato un programma utile a ridisegnare il futuro del petrolio.

“Siamo stanchi delle guerre e dei disastri ambientali che da anni accompagnano l’evoluzione della nostra società, basta affidare il controllo del Mondo intero all’oro nero, basta posizioni di divario socio-culturale, basta distruggere il nostro pianeta”, “vogliamo impegnarci affinché l’oro nero diventi green, nel rispetto dell’uomo e della natura”.

Sono queste le parole del presidente della società “Petroil” il cui impegno nei prossimi anni consisterà nel porre fine alla lotta per l’estrazione del petrolio e l’avvio di una nuova azienda mondiale chiamata GreenWorld.

La GreenWorld si configurerà come una multinazionale finanziata dalle diverse aziende petrolifere mondiali che negli ultimi anni hanno riposto un maggiore interesse sull’ambiente e sulle condizioni degli individui. I giganti dell’oro nero hanno intenzione di effettuare un cambio di rotta che porti ad un cambiamento globale e che incida positivamente sull’ambiente e sulla vita di tutti noi.

Il nuovo impegno consisterà nell’avviare, a partire da luglio prossimo, delle selezioni rivolte a tutti i giovani che vorranno prender parte a due ambiziosi progetti dell’azienda. Il primo, NewGreen, consiste nella progettazione di un nuovo motore elettrico che consentirà di ridurre l’impatto ambientale e sarà gradualmente sostituito al più diffuso e inquinante motore a scoppio. Il secondo 2Green, si occuperà dello studio, la progettazione e il collaudo di kit prototipi in grado di trasformare i veicoli con motore a scoppio in veicoli a trazione elettrica.

I veicoli elettrici non sono una scoperta recente. La prima automobile chiamata “Jamais Contente” venne creata nel 1899 dal belga Camille Janatzy.

Il problema iniziale che impedì la diffusione fu il costo elevato per la realizzazione del propulsore e delle batterie, nonché della durata della ricarica. Infatti il veicolo elettrico aveva alcune ore di autonomia ma, con l’evoluzione della tecnica e con l’impegno preso dalla NewGreen, sarà possibile studiare e sperimentare nuove batterie in grado di garantire un’autonomia fino a 10 volte maggiore.

Qui l’articolo dedicato sul sito ufficiale del concorso.


Ne hanno parlato su:

http://asavellino1912.blogspot.it/2012/05/giuseppe-mascolo-vincitore-del-concorso.html

http://www.lanostravoce.info/?p=2166

Il Mattino:

articolo1

articolo2


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *