Flick: la nuova unità di misura “creata” da facebook.

Flick: la nuova unità di misura “creata” da facebook.

Facebook ha inventato una nuova unità di tempo per la realtà virtuale: il “flick”, abbreviazione frame tick.
Il flick è equivalente a un 705.600.000 di secondo, è più grande di un nanosecondo e più piccolo di un microsecondo.

A cosa serve? Come scrive l’inventore originale Christopher Horvath su GitHub è una nuova unità di tempo per la realtà virtuale.
Nei film, nei videogiochi e in qualsiasi altro tipo di contenuti basato sullo schermo si lavora su unità di tempo nell’ordine dei secondi.

La maggior parte dei film, ad esempio, viene ripresa a 24 fotogrammi al secondo, il che significa che il film visualizza 24 immagini fisse ogni secondo in una sequenza rapida per dare l’illusione del movimento.

In termini matematici, 24 Fps (Frame per second) vuol dire che ogni fotogramma ha una lunghezza approssimativa di 0.0416666666666666 secondi o 4,166666666 nanosecondi. Numeri di questo tipo possono rendere complicata la vita agli sviluppatori che sono chiamati a lavorare con precisione su queste scale.

L’idea di Facebook è quella di rappresentare un singolo fotogramma un numero pulito, pari, senza virgole. Ad esempio, con 24 Fps che è la misura della maggior parte dei film ogni frame è 29.400.000 flicks. A 60 FPS, che è ormai lo standard del videogame un fotogramma sarebbe lungo 11.760.000 flicker.

È un numero pulito che può essere facilmente diviso o aggiunto, senza preoccuparsi dei punti decimali.
A cosa serve? A seconda della frequenza a cui viaggia il tuo dispositivo che può essere un televisione come anche un caschetto per la realtà virtuale .

Quindi, indipendentemente dalla frequenza dell’immagine (24Hz o 120Hz) Flicks aiuterebbe a sincronizzare i fotogrammi sopratutto quando si tratta di progettare contenuti in computer grafica, per i videogame e per al realtà virtuale.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *